Vai alla home page del sito "DAG" 

DAG

Dipartimento dell'Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi



 

 

 
 

  • Posizione Corrente:
  •  Home

Notizie Vai all'Archivio Notizie >>

Focus - Primo Piano Vai all'Archivio Focus - Primo Piano >>

  •  Decreto 23 maggio 2013 - individuazione delle categorie di beni e servizi per i quali le pubbliche amministrazioni sono tenute a procedere alle relative acquisizioni attraverso strumenti di acquisto informatici, ai sensi dell’articolo 1, comma 158, della legge 24 dicembre 2013, n. 228 

    In attuazione dell’art. 1, comma 158 della legge 24 dicembre 2012, n. 228, è stato emanato il Decreto 23 maggio 2013 del Ministro dell’economia e delle finanze  (PDF - 172 KB) che individua le categorie di beni e servizi, per i quali le pubbliche amministrazioni statali, fermi restando i vigenti obblighi di utilizzo degli strumenti di acquisto del Programma di razionalizzazione, sono tenute ad approvvigionarsi attraverso strumenti di acquisto informatici propri o messi a disposizione dal Ministero dell’economia e delle finanze. A partire dal sesto mese dall’entrata in vigore del decreto e fino ad emanazione del successivo, le pubbliche amministrazioni statali sono tenute a procedere attraverso strumenti di acquisto informatici per l’acquisizione di alcune categorie di beni e servizi rientranti nell’ ambito IT, nel caso in cui l’importo a base d’asta per le relative acquisizioni  sia superiore alla soglia di 2,5 milioni di euro. Ferma restando la possibilità di utilizzo, da parte delle amministrazioni statali, di strumenti informatici propri, queste possono ricorrere al Sistema dinamico di Acquisizione della Pubblica Amministrazione di cui all’art. 287 del DPR 207/2010, se disponibile per le relative categorie di beni e servizi, ovvero al sistema informatico di negoziazione del Ministero dell’economia e delle finanze in modalità ASP (Application Service Provider).
    E' stata quindi aggiornata la Tabella riassuntiva (PDF - 281 KB)  del quadro normativo legato alla "spending review" relativa all'obbligo e alla facoltà di utilizzo degli strumenti di acquisto offerti dal Programma di razionalizzazione degli acquisti della PA e dalle Centrali Regionali di Committenza disponibile nella sezione Razionalizzazione acquisti.
     

  •  Decreto Ministeriale del 6 luglio 2012 recante contenuti e modalità di attivazione dei servizi in materia stipendiale erogati dal Mef alle Amministrazioni Pubbliche 

    Con il Decreto Ministeriale 6 luglio 2012 (PDF - 1,91 MB)  viene data attuazione all’art. 11, comma 9, del Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla Legge 15 luglio 2011, n. 111. Il decreto  definisce le modalità, le regole e gli oneri per l’utilizzo dei servizi per il pagamento delle retribuzioni al personale delle pubbliche amministrazioni erogati tramite il sistema centralizzato del Ministero dell’economia e delle finanze.
    Per l’erogazione dei servizi è necessaria la stipula di un’apposita convenzione di durata quadriennale tra il Ministero dell'economia e delle finanze, Dipartimento dell'amministrazione generale, del personale e dei servizi, Direzione dei sistemi informativi e dell'innovazione e l’Amministrazione richiedente.
    Per consentire l’efficacia delle convenzioni dal 1 gennaio 2013, il termine massimo di presentazione della richiesta di adesione è fissato al 31 agosto 2012. La relativa convenzione è stipulata entro il 30 settembre 2012.
    La richiesta di adesione, per gli anni successivi al 2013, deve essere inoltrata entro la fine del mese di febbraio dell’anno precedente quello di utilizzo del servizio e la convenzione deve essere stipulata entro il 30 giugno.
    Per le Amministrazioni pubbliche diverse dalle Amministrazioni dello Stato che già usufruiscono dei servizi offerti dal Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento dell'amministrazione generale, del personale e dei servizi, il decreto si applica a decorrere dal 1 gennaio 2015.
    Le Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato che sono già tenute all’utilizzo dei servizi definiti dal decreto non sono soggette al pagamento del contributo previsto.
    Si segnala che, a seguito dell’emanazione del Decreto Legge 6 luglio 2012 n. 95 (PDF - 624,98 KB) , i servizi e il relativo contributo definiti nel decreto rappresentano parametri di prezzo/qualità che le Amministrazioni pubbliche diverse da quelle statali devono rispettare per l’acquisto degli stessi servizi sul mercato di riferimento. La comparazione avviene con riferimento ai costi di produzione dei servizi, diretti e indiretti, interni ed esterni sostenuti dalle amministrazioni. Il mancato rispetto dei parametri determina la nullità dei contratti ed è fonte di responsabilità disciplinare e amministrativo contabile per i funzionari responsabili.

  •  Sistema a Rete: disponibile sul portale Acquisti in rete PA  un canale informativo per la ricerca dei contratti e delle convenzioni realizzati dalle Centrali di Committenza territoriali e dalla Consip

    In linea con gli obiettivi della spending review, nell’ambito del “Sistema a Rete”, è stato realizzato un nuovo canale per accedere a informazioni  costantemente aggiornate su  convenzioni e contratti  per l’acquisto di beni e servizi  stipulati, a livello nazionale, dalla Consip e, sul territorio, dalle centrali di committenza di riferimento.
    Il servizio, disponibile nella sezione “Sistema a Rete” del portale  Acquisti in rete PA e raggiungibile anche dai siti istituzionali delle centrali territoriali, mette a disposizione, in forma aggregata, tutte le informazioni necessarie alle Amministrazioni per pianificare i propri acquisti, come la descrizione e lo stato dell’iniziativa, l’eventuale suddivisione dei lotti, l’ambito territoriale di applicazione, la tipologia di contratto e la durata.