Vai alla home page del sito "DAG" 

DAG

Dipartimento dell'Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi



 

 

 
 

  • Posizione Corrente:
  •  Home

Notizie Vai all'Archivio Notizie >>

Focus - Primo Piano Vai all'Archivio Focus - Primo Piano >>

  •   Pubblicato l'elenco dei "prezzi benchmark" relativi ai beni e servizi oggetto di convenzioni Consip

    È stato pubblicato sul sito www.acquistinretepa.it  l’elenco dei “prezzi benchmark Consip”  riferiti alle principali prestazioni relative alle convenzioni stipulate da Consip S.p.A., disponibili tra il 1° gennaio 2013 e  il 24 aprile 2014 e individuate dal Decreto del Ministero Economia e Finanze 24 settembre 2014 (pdf, 2Mb).
    Per ogni convenzione vengono riportate le prestazioni principali dell'iniziativa, con indicazione delle caratteristiche essenziali dei beni e dei servizi acquisibili nell'ambito delle stesse e i relativi prezzi di riferimento.
    Tale attività è stata realizzata in attuazione di quanto previsto all'articolo 10 comma 3 del DL n. 66  del 24 aprile 2014, convertito in legge, con modificazioni dalla L. 23 giugno 2014, n. 89.
     

  •  La Commissione europea promuove la proposta progettuale presentata e coordinata dal MEF “SUNFISH - Condivisione sicura dei dati tra cloud privati federati" 

    Nell’ambito del nuovo programma europeo di finanziamento alla ricerca scientifica ed innovazione tecnologica Horizon2020,  il Ministero dell’economia e delle finanze ha coordinato la presentazione di una proposta progettuale in risposta alla prima call Horizon ICT, dedicata specificamente al Topic ICT-07-2014, “Servizi ed Infrastrutture Cloud Avanzate”, risultata terza su 140 proposte presentate da consorzi di organizzazioni di tutta Europa in risposta a questo specifico tema.
    La Direzione dei sistemi informativi e dell'innovazione del Dipartimento dell’amministrazione generale, del personale e dei servizi, è attualmente già impegnata in attività di ricerca ed innovazione tecnologica nel settore delle infrastrutture cloud e del cloud security.
    In tale contesto la Direzione dei sistemi informativi e dell'innovazione ha guidato un consorzio di organizzazioni costituito ad hoc, e composto da 11 organizzazioni provenienti da sei Stati diversi (Austria, Estonia, Israele, Malta, Regno Unito e naturalmente Italia), nella presentazione di una proposta progettuale denominata “SUNFISH” (SecUre iNFormatIon SHaring in federated heterogeneous private clouds), avente come finalità principale lo sviluppo di una soluzione di integrazione sicura di cloud diversi per la condivisione protetta di dati, proposta che la Commissione europea ha valutato con favore, acconsentendo a finanziare direttamente il progetto con un contributo di oltre 4,5 milioni di euro.
    Il consorzio di organizzazioni coordinate dal MEF, supportato nella presentazione della proposta progettuale da Sogei - Società Generale d'Informatica SpA, raggruppa rappresentanti delle Istituzioni, dell’Accademia, come anche alcuni fra i principali attori industriali del settore. Nello specifico, le pubbliche amministrazioni europee coinvolte sono - oltre al MEF nel ruolo di attore coordinatore - il Ministero delle Finanze maltese, l’Agenzia maltese per le Tecnologie dell’Informazione (MITA) e la Cyber Crime Unit dell’organizzazione di cooperazione regionale delle forze di polizia del Regno Unito SEROCU. Partecipa al consorzio anche il CIS dell’Università di Roma “Sapienza” - Centro di Ricerca di Cyber Intelligence and Information Security all’avanguardia in Europa per le ricerche in tema di cyber security, information assurance e protezione delle infrastrutture critiche.
    In molte aree di applicazione un modello cloud si traduce in una perdita percepita di controllo sui dati. Il progetto SUNFISH svilupperà tre scenari applicativi con diversi requisiti di sicurezza, che verranno utilizzati come casi di validazione della soluzione realizzata. Tra questi è previsto lo sviluppo di un progetto pilota italiano da parte del MEF insieme a Sogei, in cooperazione con il Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, per testare le funzionalità della soluzione sviluppata per la condivisione di dati sensibili all’interno di una infrastruttura cloud sicura. Il progetto assumerà particolare rilievo nell’attuale contesto di ampliamento delle competenze del Ministero in tema di gestione retributiva del personale della Pubblica Amministrazione, che - a partire dal 1° gennaio 2015 - riguarderà anche il personale della Polizia di Stato.
    La soluzione sviluppata dal progetto SUNFISH sarebbe potenzialmente applicabile a numerosi altri campi della Pubblica Amministrazione. Grazie allo sviluppo di tecniche di workload management tra cloud federati, sarà possibile a Enti Pubblici di condividere le proprie infrastrutture IT, così da ottimizzarne l’uso. L’auspicio è che i vari piloti - e più generalmente l’intero progetto SUNFISH - possano apportare benefici concreti sia alle Istituzioni coinvolte, sia alla più ampia comunità europea della ricerca e dell’innovazione. 

     

  •  Rilevazione MEF ISTAT dei prezzi relativi ai beni e servizi della P.A. – risultati dell’Edizione 2013 

    La rilevazione MEF ISTAT, avviata nel 2003 e giunta alla XI edizione, è inserita nel Programma Statistico Nazionale in vigore (Codice ECF-00064). L’edizione 2013, condotta, come le precedenti, in modalità telematica, ha interessato 21 merceologie ed ha coinvolto un campione di circa 1200 P.A. scelte secondo criteri di rappresentatività dei diversi comparti. La rilevazione, in riferimento all’acquisto dei beni e servizi appartenenti a dette merceologie e grazie ad un specifica metodologia definita dall’ISTAT, stima e rende confrontabili i livelli dei prezzi medi per gli  acquisti effettuati nell’ambito del Programma di razionalizzazione degli acquisti nella PA con quelli effettuati al di fuori.
    I risultati dell’Edizione 2013 e delle precedenti edizioni sono disponibili nella sezione Archivio rilevazioni MEF – ISTAT.
     

  •  Decreto 23 maggio 2013 - individuazione delle categorie di beni e servizi per i quali le pubbliche amministrazioni sono tenute a procedere alle relative acquisizioni attraverso strumenti di acquisto informatici, ai sensi dell’articolo 1, comma 158, della legge 24 dicembre 2013, n. 228 

    In attuazione dell’art. 1, comma 158 della legge 24 dicembre 2012, n. 228, è stato emanato il Decreto 23 maggio 2013 del Ministro dell’economia e delle finanze  (PDF - 172 KB) che individua le categorie di beni e servizi, per i quali le pubbliche amministrazioni statali, fermi restando i vigenti obblighi di utilizzo degli strumenti di acquisto del Programma di razionalizzazione, sono tenute ad approvvigionarsi attraverso strumenti di acquisto informatici propri o messi a disposizione dal Ministero dell’economia e delle finanze. A partire dal sesto mese dall’entrata in vigore del decreto e fino ad emanazione del successivo, le pubbliche amministrazioni statali sono tenute a procedere attraverso strumenti di acquisto informatici per l’acquisizione di alcune categorie di beni e servizi rientranti nell’ ambito IT, nel caso in cui l’importo a base d’asta per le relative acquisizioni  sia superiore alla soglia di 2,5 milioni di euro. Ferma restando la possibilità di utilizzo, da parte delle amministrazioni statali, di strumenti informatici propri, queste possono ricorrere al Sistema dinamico di Acquisizione della Pubblica Amministrazione di cui all’art. 287 del DPR 207/2010, se disponibile per le relative categorie di beni e servizi, ovvero al sistema informatico di negoziazione del Ministero dell’economia e delle finanze in modalità ASP (Application Service Provider).
    E' stata quindi aggiornata la Tabella riassuntiva (PDF - 281 KB)  del quadro normativo legato alla "spending review" relativa all'obbligo e alla facoltà di utilizzo degli strumenti di acquisto offerti dal Programma di razionalizzazione degli acquisti della PA e dalle Centrali Regionali di Committenza disponibile nella sezione Razionalizzazione acquisti.